regolamento-europeo-scadenza-25-maggio

Calma e sangue freddo: il 25 maggio non finirà il mondo

Care Aziende,

Oggi 16 maggio 2018 vogliamo lanciare una conferma ottimista e positiva: il 25 maggio NON finirà il mondo e l’entrata in vigore del Nuovo Regolamento Privacy non segnerà la fine di sogni e speranze.

Perciò piccole-medie e grandi imprese riprendete fiato e ritrovate la calma, andrà tutto bene. Abbiamo le prove e ve le vogliamo illustrare in anteprima…

Mondo-Privacy-portabilita-dati

GDPR 2016/679 – Il diritto alla portabilità del dato come libera scelta dell’Interessato

Silvia Capuano

Il Nuovo Regolamento Europeo ribadisce una serie di diritti in capo all’interessato:

  • il diritto di accesso
  • il diritto di rettifica
  • il diritto alla cancellazione (più noto come diritto all’oblio)
  • il diritto di limitazione del trattamento
  • il diritto di opposizione al trattamento

e il nuovo introdotto dall’Art 20: il diritto alla portabilità dei dati.

larga-scala-regolamento-europeo

Regolamento Europeo Privacy e concetto di Larga Scala

Leggendo il nuovo REGOLAMENTO per la protezione dei dati GDPR 2016/679 si incontra un concetto piuttosto nuovo: il concetto di LARGA SCALA. Il tema viene ripreso in 13 punti, 8 solo nei considerando. Gli aspetti su cui vogliamo concentraci sono principalmente 2: la nomina DPO e la redazione della DPIA. Come sono collegati DPO e DPIA alla larga scala?

profilazione-automation-marketing-privacy

Profilazione e web marketing: cosa prevede il regolamento europeo privacy?

Uno degli aspetti su cui si concentra il nuovo GDPR è quello della Profilazione, il termine viene ripreso infatti ben 22 volte all’interno del testo del Regolamento. Con il termine Profilazione la norma intende una ” qualsiasi forma di trattamento automatizzato di dati personali consistente nell’utilizzo di tali dati personali per valutare determinati aspetti personali relativi a una persona fisica, in particolare per analizzare o prevedere aspetti riguardanti il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze personali, gli interessi, l’affidabilità, il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti di detta persona fisica

DATA PORTABILITY: NUOVI ADEMPIMENTI PREVISTI PER LE IMPRESE

Cristiano Cavallari

L’art. 20 del GDPR introduce il nuovo diritto di portabilità dei dati: secondo tale diritto, “l’interessato ha diritto di ricevere in formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, i dati personali che lo riguardano, forniti ad un titolare del trattamento ed ha il diritto di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti da parte del titolare del trattamento cui li ha forniti”.

I CODICI DI CONDOTTA E LE CERTIFICAZIONI IN AMBITO DATA PROTECTION

Staff Mondo Privacy

Il Regolamento europeo prevede l’onere della prova in capo al titolare e al responsabile del trattamento: questi quindi dovranno essere in grado di dimostrare di aver messo in atto misure organizzative e di sicurezza adeguate sia alla particolare tipologia di dati che trattano sia agli specifici trattamenti che effettuano.
Best practice, codici di condotta e certificazioni possono, di conseguenza, essere utilizzati come elementi di prova.

1 2 3